il progresso e le poesie d’amore


Oggi è uscito un articolo su La Stampa: Papà a che serve questa cornetta. Tratta degli oggetti che hanno fatto solidamente parte del nostro quotidiano e a breve non avranno più motivo di esistere: cartine stradali, album di fotografie, fax, video cassette e relativi lettori, ma, ugualmente, i per me modernissimi cd!
Una strage, su cui incombe anche la più volte minacciata sparizione dei libri (ma come rinunciare al loro amato odore).
Questo ciclico dramma, si sa, è da attribuire al progresso; così immagino i commenti degli atterriti preistorici antenati davanti alla ruota, che soppiantò lo scomodo cubo, o al fuoco, che di fatto ha relegato le donne in cucina.

Evviva il progresso allora?
Certo che sì, ma non tutto necessita di miglioramenti, anzi, qualche mese fa ho spedito via mail una poesia d’amore, “carina”, mi ha risposto, “ma sarebbe tanto più bella scritta a mano su un foglio di carta”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...